Download Free Templates http://bigtheme.net/ Websites Templates

In ringraziamento alla Vergine di Garabandal

Mario Arturo Ojeda Morelos viene dal Messico ed è nipote del noto P. Gustavo Morelos, grande diffusore dei fatti di Garabandal nel suo Paese. Mario è convinto che, se ha potuto recuperare la salute dopo una gravissima peritonite, è stato grazie all’intercessione della Madonna del Carmelo di Garabandal, ed ora è molto intenzionato a far conoscere il film “Garabandal, solo Dio lo sa”. Così egli stesso racconta gli eventi.
Articolo pubblicato originalmente su www.peliculagarabandal.com

Mi presento come vostro fratello in Gesù, Mario Arturo Ojeda Morelos. Sono originario di Morelia (Michoacan, Messico), città situata nel centro della Repubblica Messicana.

Nell’anno 1968 io avevo 13 anni e frequentavo la seconda superiore. A metà del mese di marzo, la scuola organizzò una gita a un parco vicino alla città. Pochi giorni dopo, iniziai a presentare i segni di un male fisico, con la temperatura tra i 39° e i 40°C. La febbre durò vari giorni. Il dottore ritenne che fosse una congestione intestinale e prescrisse un lassativo o una purga, che mi vennero somministrati immediatamente. Passarono diversi giorni senza che si verificasse alcun miglioramento, e i miei genitori decisero quindi di chiedere un secondo parere. I medici arrivarono alla conclusione che si trattava di un caso di appendicite, che, a causa della purga, aveva causato una peritonite acuta. Venne richiesto un intervento chirurgico d’emergenza che durò diverse ore, nel corso del quale si scoprì un’ampia perforazione nell’intestino. Grazie a Dio potei uscire vivo da questa prima operazione.

Pochi giorni dopo si presentò una crisi ancora più grave dal momento che, a causa dell’infezione, fu nuovamente necessario ridurre l’intestino. Dieci giorni dopo dovetti subire un altro intervento, poiché l’intestino non rispondeva. Dai commenti dei dottori, comprendemmo che la possibilità di sopravvivenza era ancora minore.

Durante tutta la durata della mia malattia il Padre Gustavo Morelos (fratello di mia madre), che si trovava in Italia, mi raccomandò all’intercessione di Nostra Signora del Carmelo di Garabandal e del santo Padre Pio. Egli era stato personalmente sia a Pietrelcina sia a Garabandal sin dall’inizio delle apparizioni. Ci suggeriva dei film e condivideva con noi oggetti baciati dalla Madonna e reliquie, sia dei Pini di Garabandal sia di Padre Pio. In modo analogo diffondeva in Messico tutti questi fatti, cercando sempre l’approvazione dei vescovi delle varie diocesi.

Quest’anno si compiono cinquant’anni dagli avvenimenti descritti. È per questo che desidero condividere la mia esperienza, in ringraziamento a Dio Nostro Signore, alla Vergine del Carmelo di Garabandal e al santo Padre Pio, così come anche a tutte le persone che pregarono per la mia salute.

Nella volontà di Dio. Fiat, fiat, fiat!!!!

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok