• Aneddoti

    del tempo delle apparizioni
  • 1

"Piansi emozionato e chiesi perdono a Dio!"

llore

Il Dottor José de la Vega chiede a Dio una prova per credere.
Il Dott. José dice: Mezzo paese e tutti noi forestieri, persino i bambini, la seguivamo allucinati. L’avevamo appena vista nella sua modesta cucina contadina, nella quale chiacchierava con noi mezza addormentata per l’ora visto che erano le quattro di mattina, entrare all’improvviso in estasi cadendo in ginocchio, senza bruciarsi, sulle calde pietre del focolare acceso.
Come trasportata da angeli, si alzò e iniziò a percorrere il paese. Andavamo dietro a lei inciampando nel buio della notte e schizzandoci di fango fino alle orecchie.
Ardentemente chiedevo a Dio fede, “come la fede del carbonaio”, così commentata nelle omelie parrocchiali, per poter sentire, come gli altri, l’enorme emozione di credere un miracolo ciò che non potevo spiegarmi.
Seguendo la bambina illuminata percorremmo quasi tutte le stradine del paesino, andammo al sagrato della chiesa, al cimitero e sul monte dove per la prima volta avevano visto la Vergine Maria.
La durezza della strada, il buio e la mia goffaggine di uomo di città mi facevano inciampare con così tante pietre, rimanendo sempre più indietro. Non ne potevo più e decisi di aspettare il ritorno. Mia moglie non volle fermarsi malgrado camminasse ansimante e proseguì avanti chiedendo aiuto alla mia incredulità.
All’improvviso la bambina si fermò senza arrivare alla cima e tornò indietro camminando all’indietro, sfiorando appena le pietre del cammino senza smettere di guardare e di sorridere al cielo.
Nell’arrivare all’altezza dove aspettavo io, si fermò e si inginocchiò sui ciottoli dando un forte colpo con le sue ginocchia e non si fece male, come se si trattasse di un tappeto, alzò la croce al cielo e me la diede da baciare.
Attorno al suo collo c’erano le medaglie e i rosari di molti dei presenti. Cercò con le sue mani una determinata catena mentre sussurrava, più che parlare, con la sua invisibile apparizione:
    •    Dimmi qual è. È questa?
Alzò nella sua mano la medaglia per darla da baciare alla Vergine Maria della sua visione e sentimmo tutti che mormorò di nuovo:
    •    Dimmi di chi è.
Senza titubare si diresse verso mia moglie, e, aprendo e chiudendo la chiusura d’oro della catenina, gliela mise al collo.
Emozionata e piangente, mia moglie cadde in ginocchio, come me e come molti di coloro che presenziarono una scena così bella. La bambina le fece baciare la medaglia baciata dalla Vergine Maria e la aiutò ad alzarsi da terra con un sorriso angelico che non dimenticheremo mai.
Allo stesso modo e con parole uguali o simili mi mise al collo la mia medaglia baciata dalla Vergine Maria. Io non potei più contenere l’emozione e piansi cadendo in ginocchio.
In quel momento trovai la spiegazione di tutto ciò che non capivo. Nell’espressione celestiale di quella bambina vidi il riflesso della presenza invisibile della Madonna del Camelo sulle nostre teste.
In ginocchio piansi emozionato e chiesi a Dio perdono per mia incredulità.

 


Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok